Corso di Teatro over 60

Corso di Teatro over 60

Corso di Teatro diretto da Daniele Bergonzi 
RACCONTI D’INFANZIA – I Giochi 

Quando: tutti i mercoledì dalle 10.00 alle 12.00, dal 4 ottobre al 13 dicembre 2017 (10 lez. da 2 h)
Lezione di prova gratuita: mercoledì 4 ottobre 2017 dalle 10.00 alle 12.00
Numero partecipanti: min 6 – max 15
Quota di partecipazione: 120 euro (+10 euro tessera associativa e assicurativa Endas valide fino a settembre 2018)
Il Corso di Teatro Over 60 è aperto ai nati prima del 31 dicembre 1957

Qual’era il tuo gioco preferito, nel 1965 ? Dove vi davate appuntamento per giocare, nell’estate del 1957? Che giochi si usavano in famiglia a Natale, nel 1954? Chi era la tua compagna di giochi preferita, nel 1960? Queste sono solo alcune delle domande che verranno poste ai partecipanti del corso di teatro over 60 “Racconti d’infanzia”. Questo corso di teatro per i “non più giovanissimi” si pone l’obiettivo di diventare un luogo di racconto collettivo, di ricordi ritrovati e rinnovati, di testimonianze del passato che ci aiutino a capire un po’ meglio il presente.

Ognuno dei partecipanti sarà invitato a ricostruire il mondo dei giochi della propria infanzia attraverso differenti mezzi narrativi: racconti orali e scritti, fotografie, oggetti, musica, etc. Seguendo le tecniche proprie della narrazione teatrale cercheremo di capire come sia possibile strutturare una “drammaturgia del ricordo” evitando il più possibile la retorica della nostalgia e cercando di creare un ponte non tanto con il passato ma con quello che era un diverso modo di abitare e vedere il mondo. Durante il laboratorio interverranno anche altri insegnanti del Laboratorio 41, ognuno con la sua specifica competenza: canto, scrittura, musica.
Sarà un percorso di relazione e di continuo raffronto con il nostro tempo, ricco di emozioni, scambi, invenzioni e divertimento in senso profondo. A seconda dell’inclinazione del gruppo e della direzione che il corso prenderà naturalmente, decideremo di comune accordo se, a fine trimestre, aprire il lavoro al pubblico o meno.
Mi permetto una nota personale. Da molti anni desidero intraprendere un percorso teatrale con persone che abbiano raggiunto questa età della vita. In un tempo sempre più frenetico e pre-occupato, sento di avere il bisogno di rapportarmi anche con uomini e donne che abbiano un ritmo differente, che non soffrano troppo di ansia da prestazione, che non vogliano essere qualcosa di diverso da quello che sinceramente sono.