WU MING LAB

WU MING LAB

LA PROSSIMA SESSIONE DI CANTARCHIVIO E’ IN VIA DI DEFINIZIONE

A Febbraio 2014 nasce Wu Ming Lab, una collaborazione tra Laboratorio 41 e Wu Ming, il collettivo di scrittori che da una quindicina d’anni pubblica romanzi, saggi, articoli e gestisce uno dei blog culturali più seguiti d’Italia (Giap). Wu Ming Lab si propone come officina di analisi, montaggio, smontaggio, costruzione e disintossicazione di storie, mitologie, racconti e leggende. Le attività proposte vanno da seminari e conferenze su temi specifici, a laboratori pratici di scrittura collettiva e contronarrazione, fino all’affiancamento di gruppi, comitati e associazioni che intendano cimentarsi in un racconto a più mani.

E’ già possibile iscriversi versando la quota di partecipazione (contanti, bancomat, carta di credito) presso la nostra segreteria di via Castiglione 41 Bologna, nei seguenti giorni e orari: dal lunedì al venerdì dalle 11.15 alle 13.15 e dalle 18.15 alle 20.15, oppure tramite bonifico (vedi dati)  indicando nella causale il nome del laboratorio.
Per info su ospitalità e posti letto per chi viene da fuori Bologna: laboratorio41@gmail.com

CANTARCHIVIO I documenti raccontano. A cura di Wu Ming 2

Quando: Le Domeniche : 5 e 19  ottobre, 2, 16, 30 novembre e 14 dicembre 2014 dalle 15.00 alle 19.00 (6 incontri da 4 h)
Quota di partecipazione : 250€ + 10€ tessera associativa 
Numero min/max partecipanti : 25
Il Laboratorio si rivolge a scrittori, registi, fotografi, archivisti, insegnanti, bibliotecari, ma anche ad appassionati di storia, guide turistiche, esploratori di solai e collezionisti.

cantarchivio-300x199Vecchi giornali, fotografie sbiadite, bobine in super8, lettere, mappe, cartoline, oggetti dimenticati: negli archivi di stato e nelle cantine dei condomini, in una biblioteca di quartiere o in un sito della Pro Loco, migliaia di documenti conservano scheletri di storie, narrazioni bisognose di cure, asce di guerra da disseppellire. Vicende che rimangono nell’ombra anche dopo aver visto la luce, spesso perché – una volta riesumate – non trovano le parole giuste per farsi ascoltare.

Cantarchivio è un laboratorio, una palestra per allenarsi a scoprire, tra i mille frammenti del passato, quali storie meritano di essere smontate, ricostruite, indagate con gli strumenti della narrativa. Perché scegliere un determinato episodio? Come tradurre la propria passione per un evento – magari familiare – in un racconto appassionante per un pubblico più vasto? Come trasformare i personaggi reali nei protagonisti di un romanzo o di un film? Come usare la fiction per illuminare la realtà? Al di là del materiale d’archivio che verrà utilizzato, – e che potrà essere proposto anche dai partecipanti –  il laboratorio intende sviluppare capacità di analisi e costruzione narrativa, ovvero un’abilità critica utile a chiunque, dal momento che i meccanismi della narrazione regolano molti aspetti della vita sociale. Inoltre, verrà data particolare attenzione al lavoro di gruppo, che spesso risulta insostituibile quando si tratta di coniugare documentazione, creatività e lavoro sull’intreccio.